Beatrice Salvioni a “Il bello dell’Orrido”

LA MALNATA
Due ragazzine negli anni del fascismo.
Il romanzo di formazione di un’esordiente che è diventato un caso editoriale.

Sabato 25 novembre 2023, ore 18 
IL BELLO DELL’ORRIDO. Spavento, stupore, meraviglia.
Incontri d’autore vistalago a Bellano a cura di Armando Besio

Cinema di Bellano (Via Roma, 3)
Ingresso gratuito, senza prenotazione fino ad esaurimento posti.

Il terzo appuntamento autunnale della rassegna “Il bello dell’Orrido” ha come protagonista Beatrice Salvioni, autrice de “La Malnata” (Einaudi), vero e proprio caso editoriale: l’autrice ne parla sabato 25 novembre (ore 18) con il curatore Armando Besio al cinema di Bellano sul lago di Como.
Classe ’95, nata a Monza, diplomata alla Scuola Holden e vincitrice del Premio Calvino racconti, quello di Beatrice Salvioni è stato un esordio da record: in classifica tra i libri più venduti per diverse settimane, i diritti sono già stati venduti in 32 Paesi, e si appresta a diventare una sceneggiatura di una serie tv.
La storia, ambientata negli anni del fascismo, è quella di Francesca e Maddalena, che tutti chiamano “malnata”,due tredicenni che abitano a Monza e sono costrette a scontrarsi con un ambiente sociale che le disprezza e le sminuisce, cercando di relegarle al ruolo che ci si sarebbe aspettati da due giovani donne. Un racconto di amicizia e ribellione, scoperta di sé stesse e del mondo intorno: un romanzo di formazione, le cui protagoniste vedono i peccati degli adulti, dei genitori, e decidono di prenderne le distanze.
Francesca, un’adolescente di buona famiglia, diventa amica di una sua coetanea coperta di graffi e sporca di fango, che apparentemente non potrebbe essere più diversa di lei. Si tratta di Maddalena, un’adolescente malvista e ostracizzata da coetanei e adulti, alla quale sin da piccola è stata affibbiato il titolo di “Malnata perché colpevole – stando alla voci – di portare sfortuna e scagliare maledizioni. Dopo aver condiviso l’esperienza di un piccolo furto, le due ragazze – presto inseparabili – si ritrovano a lottare e a sostenersi a vicenda contro una società, quella italiana del Trentennio e della guerra di Abissinia, contraddistinta da continui abusi, spesso maschili, e da un conformismo forzato e violento.

Beatrice Salvioni, © BASSO CANNARSA

INFORMAZIONI UTILI
Ingresso gratuito, senza prenotazione fino ad esaurimento posti.
A fine evento ci sarà il firmacopie con l’autrice.
Inizio incontro ore 18, Cinema di Bellano (via Roma 3 LC).

VISITA GUIDATA ore 16
Alle ore 16 i Custodi del Patrimonio organizzano la visita guidata, su prenotazione (email archivivitali@gmail.com) con partecipazione gratuita, al Compianto nella Chiesa di Santa Marta e alla mostra “VOLTI. La pittura italiana di ritratto nel XX secolo”, con le nuove opere allestite, nello spazio Circolo.

IL FESTIVAL
“Il bello dell’Orrido”, curato da Armando Besio, nasce nel 2019 sulla suggestione data dalla gola profonda – scavata dal fiume Pioverna – che rappresenta a Bellano un’attrazione naturale: l’orrido – che ha festeggiato nel 2022 l’ingresso di 230.000 visitatori – è circondato dall’alone di mistero delle rocce ripide e dalla bellezza naturale e selvaggia del luogo, vera “calamita” per il visitatore di ieri e di oggi. Allo stesso modo, scrittori e artisti da sempre sono stati affascinati dalle acque tumultuose del fiume che nel corso dei secoli hanno modellato gigantesche marmitte e suggestive spelonche, complice il cupo rimbombo delle acque e dalle vertiginose pareti di roccia. Il paesaggio naturale di Bellano ben si lega dunque al concetto artistico di “sublime”.

“Il bello dell’Orrido” è promosso dal Comune di Bellano e dall’Associazione ArchiViVitali con Manzoni22, grazie al sostegno di Orrido di Bellano, Torneria Automatica Alfredo Colombo e in collaborazione con La Libreria di via Volta di Erba.

IL CURATORE
Armando Besio: genovese di nascita, giornalista, si è laureato in Storia dell’Arte con il professor Corrado Maltese presso l’Università di Genova, è stato cronista del Secolo XIX, inviato speciale del Lavoro, caposervizio del Venerdì di Repubblica e delle pagine culturali milanesi di Repubblica. Collabora con Il Venerdì di Repubblica, la Milanesiana di Elisabetta Sgarbi, e il Circolo dei Lettori di Milano diretto da Laura Lepri. Ha ideato e dirige da 15 anni il festival “ZelbioCult – incontri d’autore su quell’altro ramo del lago di Como”.

ULTIMO APPUNTAMENTO 2023
sabato 16 dicembre ore 18.00
Gianmarco Gaspari
“Siamo come fratelli”
Alessandro Manzoni e Tommaso Grossi, storia di un’amicizia tra Milano e Bellano

SEGRETERIA ORGANIZZATIVA E UFFICIO STAMPA
Manzoni22 – Silvia Introzzi
mail: silvia.introzzi@manzoni22.it
tel. 031 303482 I cell. 335 5780314

Rispondi

Create a website or blog at WordPress.com

Up ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: