Giorno della memoria. Il bello dell’orrido

Storie personali dentro una storia senza fine

Venerdì 27 gennaio, ore 21.
FILM . “Anna Frank e il diario segreto”
Ingresso gratuito.

Sabato 28 gennaio, ore 17.
EMANUELE FIANO |”Essere ebreo”
FEDERICA FRACASSI |”Deve trattarsi di autentico amore per la vita”
Armando Besio dialoga con Emauele Fiano autore di “Ebreo”. Una storia personale dentro una storia senza fine.
Segue il reading “Deve trattarsi di autentico amore per la vita” di Federica Fracassi dal “Diario” di Etty Hillesum, una delle testimoni simbolo della Shoah, esempio luminoso di atruismo.
Ingresso gratuito, senza prenotazione, fino ad esaurimento posti.

Cinema di Bellano (Via Roma, 3).

Riparte “Il bello dell’Orrido” con la formula già sperimentata con ottimo riscontro di pubblico nello scorso anno: raddoppia
quindi l’appuntamento dell’ultimo sabato di ogni mese, con un approfondimento cinematografico – di venerdì – del tema trattato.  E si parte infatti con una proposta legata al Giorno della Memoria: “Storie personali dentro una storia senza fine” si declina sabato 28 gennaio (ore 17) con l’incontro con Emanuele Fiano, autore di “Ebreo” (PIEMME) e Federica Fracassi con il reading “Deve trattarsi di autentico amore per la vita” tratta dal “Diario” di Etty Hillesum (Adelphi).

Gli incontri sul palco sono preceduti venerdì 27 gennaio (ore 21, Cinema di Bellano. Ingresso gratuito) dalla proiezione di “Anna Frank e il diario segreto”, film d’animazione del regista israeliano Ari Folman: un racconto delicato e avvincente che ripropone in chiave più moderna e accessibile una storia che forse oggi rischia di essere percepita come polverosa dai più giovani, presentato fuori concorso al Festival di Cannes e accolto con grande favore dal pubblico e dalla critica.

Sabato 28 gennaio (ore 17) con Armando Besio dialoga Emanuele Fiano, architetto e politico, il cui padre, Nedo Fiano, è l’unico sopravvissuto della sua famiglia al campo di sterminio di Auschwitz-Birkenau. Nel suo libro in uscita in questi giorni, intitolato “Ebreo – Una storia personale dentro una storia senza fine” (PIEMME), Fiano, deputato della Repubblica (è stato anche consigliere comunale a Milano dal 1997 al 2006, e poi deputato del Partito democratico) riflette sul significato profondo di una parola antica e ricca di suggestioni, mettendo in ordine i pensieri ad alta voce. Si interroga sulla sua identità, una domanda che non conosce confini perchè – scrive Fiano – “è il racconto di un viaggio sempre in corso che mi porta a sentirmi così orgogliosamente ebreo, e a volte dolorosamente ebreo”. Perché in fondo, tutti noi siamo in viaggio, verso noi stessi, verso gli altri.

A seguire, Federica Fracassi porta sul palco la figura di Etty Hillesum, nel reading “Deve trattarsi di autentico amore per la vita” (drammaturgia di Giulia Calligaro e supervisione di Renzo Martinelli) tratto dalle pagine luminosissime del suo “Diario” (Adelphi): giovane testimone ebrea olandese che ha testimoniato come la guerra e l’odio possano essere vinti per una sola via: con l’amore, costruendo la pace dentro se stessi. Mentre l’Europa sprofondava in una delle sue stagioni più nere e il nazismo sfondava gli argini della disumanità, Etty faceva il percorso inverso. E scalava a poco a poco le tappe dell’illuminazione, fino a condividere spontaneamente il destino del suo popolo dentro il campo di lavoro di Westerbork, senza perdere mai la compassione, neppure per i persecutori, interrompendo così la catena della violenza e dell’odio. Al suo testamento – tragicamente rimasto inascoltato – dà voce Federica Fracassi in un reading che propone di ripercorrere l’evoluzione che in questa sua crescita interiore ebbe il concetto di Amore: l’amore terreno in principio, che affronta con grande passione sensoriale per tutte le manifestazioni vitali e in uno strenuo tentativo di liberarsi da ogni tentazione di possesso; l’amore per l’Umanità tutta poi, che trascendendo l’amore per il singolo tende a una dimensione più cosmica; e infine l’amore divino, quando affronta ogni capitolo della sua storia e della Storia universale, completamente affidata alle braccia di un Dio immenso, ma intimo che ha dissotterrato dentro di sé.   

VISITA GUIDATA SU PRENOTAZIONE
Appuntamento ore 15 con I custodi del patrimonio di Bellano con la visita guidata su prenotazione “Il ritratto e la memoria”.
Si parte dalla Chiesa di San Rocco che ospita due pale di Giancarlo Vitali; si prosegue con la visita di una parte della 400 installazioni fotografiche della mostra diffusa “Il ritratto di Bellano” e delle due mostre “Un segreto per pochi. Riconoscersi dentro un ritratto” nello spazio Circolo e “La famiglia dei ritratti” nell’Archivio Giancarlo Vitali.
Per info e prenotazione: archivivitali@gmail.com I www.archivivitali.org

LA RASSEGNA “Il bello dell’orrido”
Curata da Armando Besio, è nata nel 2019 sulla suggestione data dalla gola profonda – scavata dal fiume Pioverna – che rappresenta a Bellano un’attrazione naturale: l’orrido – che ha festeggiato nel 2022 l’ingresso di 230.000 visitatori – è circondato dall’alone di mistero delle rocce ripide e dalla bellezza naturale e selvaggia del luogo, vera “calamita” per il visitatore di ieri e di oggi. Allo stesso modo, scrittori e artisti da sempre sono stati affascinati dalle acque tumultuose del fiume che nel corso dei secoli hanno modellato gigantesche marmitte e suggestive spelonche, complice il cupo rimbombo delle acque e dalle vertiginose pareti di roccia. Il paesaggio naturale di Bellano ben si lega dunque al concetto artistico di “sublime”.

IL CURATORE ARMANDO BESIO
Genovese di nascita, giornalista, si è laureato in Storia dell’Arte con il professor Corrado Maltese presso l’Università di Genova, è stato cronista del Secolo XIX, inviato speciale del Lavoro, caposervizio del Venerdì di Repubblica e delle pagine culturali milanesi di Repubblica. Collabora con Il Venerdì di Repubblica, la Milanesiana di Elisabetta Sgarbi, e il Circolo dei Lettori di Milano diretto da Laura Lepri. Ha ideato e dirige da 15 anni il festival “ZelbioCult – incontri d’autore su quell’altro ramo del lago di Como”.

CALENDARIO DEI PROSSIMI APPUNTAMENTI
ore 17, Cinema di Bellano
Sabato 28 gennaio
Sabato 25 febbraio
Sabato 25 marzo
Sabato 22 aprile
Sabato 27 maggio
Sabato 24 giugno 

La rassegna è promossa dal Comune di Bellano e dall’Associazione ArchiViVitali con Manzoni22, grazie al sostegno di Orrido di BellanoTorneria Automatica Alfredo Colombo.
In collaborazione con La Libreria di via Volta di Erba.

SEGRETERIA ORGANIZZATIVA E UFFICIO STAMPA
Manzoni22 – Silvia Introzzi
mail: silvia.introzzi@manzoni22.it
tel. 031 303482 I cell. 335 5780314

Rispondi

Create a website or blog at WordPress.com

Up ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: