di Emmanuele Michela
GIORNALE DI LECCO

Le mostre del bellanasco fanno il pienone nell’estate culturale del capoluogo: nell’ultimo mese si è viaggiato sui 500 ingressi al giorno.

2017.10.02 Giornale di Lecco.jpg

Alla fine, parlano i numeri. Quelli dell’estate culturale milanese, dove appassionati, turisti e semplici curiosi hanno potuto apprezzare l’arte di Giancarlo Vitali, l’artista 88enne bellanasco che ha esposto le sue opere tra Palazzo Reale, Casa del Manzoni, Castello Sforzesco e Museo di Storia Naturale. Si stima siano stati più di 30mila i visitatori alle quattro esposizioni che componevano «Time Out», chiusasi il 24 settembre. Numeri molto soddisfacenti per chi ha organizzato l’esposizione, stupito dal gran via vai di persone che, specie nelle ultime settimane, ha visitato le sale dell’esposizione. E cifre che confermano anche la convinzione di chi ha voluto Vitali a Milano, dato che Domenico Piraina, direttore di Palazzo Reale, aveva stimato proprio questo numero di visitatori.

Nel mese di settembre si viaggiava sui 500 ingressi al giorno, e la sorpresa più bella, proprio in uno degli ultimi sabati di esposizione, è stata vedere lo stesso Giancarlo Vitali girare tra i suoi quadri. Su Facebook, nella pagina di «ArchiviVitali», c’è un video molto bello che immortala quella giornata, con lo stupore silenzioso dell’artista per la mostra, rotto solo da una battuta: «Peccato smontarla». Poche parole, essenziali e genuine, cui va aggiunta l’apprezzamento e la soddisfazione dell’artista per l’allestimento offerto, in continuo crescendo dalla sala dei ritratti in poi. Molto apprezzato dai visitatori anche il video realizzato da Francesco Clerici, e che raccontava di Vitali e delle sue giornate: 20 minuti di immagini per lo più silenziose, in cui emergono i ritmi della vita dell’artista, le sue creazioni e i suoi racconti.

Bellano e «Archivi Vitali»

La soddisfazione per il successo della mostra è anche dei concittadini di Vitali, in un borgo, Bellano, che mai come in questi mesi si è sentito «paese degli artisti»: «Bellano è stata caput mundi per un’estate», commenta il sindaco Antonio Rusconi. «La mostra ha monopolizzato l’attività culturale di Milano, e per noi quindi è motivo di orgoglio». Il paese, per altro, presto potrebbe avere una nuova casa per gli artisti e gli scrittori locali, dato che nei locali dell’ex Circolo Lavoratori è destinata a sorgere la sede dell’asssociazione «ArchiviVitali», natata per promuovere e tutelare il nome e le opere di Giancarlo, Velasco e Andrea Vitali. È quanto emerso settimana scorsa in consiglio comunale. A interrogare la giunta il consigliere di minoranza Sandro Cariboni (ed ex sindaco), che ha chiesto conto dello stato d’attuazione del piano di recupero «Santa Marta», maxi intervento deliberato quando Cariboni era primo cittadino. Nelle sale di via Manzoni era destinata la biblioteca, ma l’amministrazione di «Bellano Guarda Avanti» ha preferito insediare qui l’associazione «ArchiviVitali»: «La proprietà ci ha indicato che entro fine anno consegneranno i locali. È un luogo storico, bello e centrale, che diventerà ufficialmente sede dell’associazione e poi, con una convenzione, sarà ambiente da animare con mostre e eventi. Non dimentichiamoci che per Giancarlo Vitali non ci sono luoghi, a Bellano, dove apprezzare liberamente le sue opere».

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...