Altro che Orrido coi Vitali è bellissimo

Annarita Briganti
LA REPUBBLICA Milano

Sembra un libro di Andrea Vitali, che è il cittadino più illustre di Bellano, sulla sponda orientale del Lago di Como. Giancarlo Vitali era un celebre pittore bellanese, scomparso un anno fa. Anche suo figlio, Velasco, 59 anni, è un artista e, insieme a sua sorella Sara, che organizza eventi e ha una casa editrice indipendente, anima la vita culturale di questa cittadina, in questo supportati dal Vitali scrittore, che però non è loro parente, ma i tre sono amici e Andrea, che faceva pure il medico di base, curava Giancarlo. Il frutto di questa unione di forze, creative, è una nuova rassegna che inizia oggi, Il bello dell’Orrido, ideata e a cura del giornalista Armando Besio, che da dodici anni realizza nella vicina Zelbio “Zelbio Cult”, con ArchiViVItali e il Comune di Bellano. Il titolo del festival prende spunto da una delle principali attrazioni del posto, l’Orrido, una gola naturale creata dal fiume Pioverna, ma anche dal gusto per i contrasti del curatore, che propone al pubblico dei talk gratuiti, fino a maggio, attorno a quelli che lui stesso definisce temi-ossimoro. Ad aprire le danze, come prime ospite de // bello dell’Orrido, è stato chiamato il professore Stefano Zuffi, che parla de “Il fascino del brutto. Mostri, demoni e altri orrori nella grande arte da Leonardo a Goya”, con Besio. Un intervento preparato da Zuffi appositamente per questo incontro. Particolare anche la sede della manifestazione, il Cinema di Bellano. Si può visitare pure la mostra di Velasco Vitali, Caduta libera, in corso fino al 10 novembre nell’ex Circolo dei lavoratori.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Create a website or blog at WordPress.com

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: